TAG 2016

PROMESSE… E SPOSI

La quotidianità delle persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali (LGBT)
continua a subire, fin dall’infanzia, rifiuto, scherno e vessazioni. Essere
bersaglio di un odio ingiustificato produce malessere, esclusione, disagio,
perché l’omofobia può manifestarsi in modi molto diversificati, dalle offese
verbali alle minacce, fino alle aggressioni fisiche.
L’impegno di Circomassimo Arcigay e Arcilesbica Ferrara si esprime da
sempre in un’ampia e consolidata azione di prevenzione alle discriminazioni,
perché crediamo che l’omofobia e la transfobia si combattano con l’educazione.
Per rendere ancora più incisiva la nostra attività sul territorio, qualche anno fa
è nato così TAG – Festival di Cultura LGBT.
Patrocinata dal Comune di Ferrara, la terza edizione della manifestazione avrà
luogo dal 26 al 28 febbraio presso il teatro Sala Estense, nel pieno centro
storico di Ferrara, e rappresenterà un’occasione privilegiata per infondere
l’importanza del confronto e aprire un dialogo con chi non ha ancora gli
strumenti per conoscere e capire la realtà del mondo gay, lesbico e
transessuale.
Dopo il successo dello scorso anno (oltre 2.000 presenze), TAG – Festival di
Cultura LGBT torna a promuovere incontri, spettacoli e dibattiti con volti noti
dello spettacolo, della stampa e della politica per educare tutti alle differenze.
Si parlerà del DDL Cirinnà sulle #UNIONI CIVILI che divide, interroga
cattolici e laici, parla del Paese, dei suoi cambiamenti, delle trasformazioni
della famiglia e dell’idea di famiglia.
Faremo un po’ di chiarezza sulla fantomatica ideologia del #GENDER con la
filosofa MICHELA MARZANO, la teologa (ed ex monaca benedettina)
BENEDETTA SELENE ZORZI e la giornalista CATERINA COPPOLA.
Affronteremo la possibilità per le coppie omosessuali di avere dei #FIGLI, con
lo psicoterapeuta familiare FEDERICO FERRARI, la bioeticista MICAELA
GHISLENI e CRISTINA GRAMOLINI, tra le fondatrici dell’associazione
nazionale Arcilesbica.
Tracceremo percorsi nuovi di prevenzione al #BULLISMO OMOFOBICO con
DARIO ACCOLLA (blogger de “Il Fatto Quotidiano”) e KETTY SEGATTI
(Vicedirettore centrale Area istruzione, alta formazione e ricerca, Direzione
centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili,
ricerca e università Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia), svelando gli
allarmanti dati della recente ricerca sul bullismo frutto di una convenzione
firmata da Regione Friuli Venezia Giulia, Università di Trieste, Ufficio Scolastico
Regionale e Arcigay/Arcilesbica, che ha coinvolto 2.138 studenti delle superiori.
Nel bel mezzo del dibattito politico e mediatico sul tema delle nozze tra gay, e
dopo le sentenze della Corte Suprema americana e della Corte Europea dei
diritti umani, parleremo infine di #RELIGIONE attraverso la lettera di un
omosessuale alla Chiesa di Roma, scritta dal magistrato EDUARDO
SAVARESE, e grazie alla partecipazione di KRZYSZTOF CHARAMSA, teologo
vaticano della Congregazione per la Dottrina della Fede, sospeso dal sacerdozio
dopo aver fatto coming out come gay e aver rivelato di avere un compagno.
Ma TAG – Festival di Cultura LGBT sarà anche spettacolo.
Ospite d’onore della manifestazione sarà VERONICA PIVETTI: artista a tutto
tondo, doppiatrice, attrice e ora anche regista, l’amatissima protagonista di
PROVACI ANCORA PROF. ci presenterà con la sceneggiatrice GIOVANNA GRA
il suo film d’esordio NÉ GIULIETTA, NÉ ROMEO.
Direttamente da BALLANDO CON LE STELLE sarà con noi anche FABIO
CANINO, attore, scrittore, conduttore radiofonico e personaggio televisivo tra i
più ironici, che ci racconterà la genesi del suo nuovo romanzo distopico gay
RAINBOW REPUBLIC.
E la sera, sarà di scena il grande teatro comico.
Direttamente da ZELIG, ALESSANDRO FULLIN metterà in scena lo spettacolo
FULLIN LEGGE FULLIN: dalla lista della spesa agli spensierati aforismi, dalle
lettere d’amore alle mail mai inviate, il ritratto di un uomo che molti
percepiscono come un comico non vedendolo per quello che realmente è: una
missionaria.
E ancora, il monologo esilarante, irriverente e amaro scritto e interpretato da
Mikaela Capucci, anima travolgente di MIKAMALE TEATRO: L’IMPORTANZA
DI LAVARSI PRESTO è un vero spettacolo di cabaret in cui sarà formulata
un’antitesi alle teorie ecclesiastiche, tra canti e orazioni “riparative” al fine di
“rieducare” lesbiche, gay e transessuali.
Il sabato notte – presso Arci Bolognesi – sarà infine MIRANDA, con il party LA
CAGE AUX FOLLES: si aprono le gabbie per una serata folle e paiettata,
animata dalle Drag Queen SALAMANDRA SISTERS! Alla consolle: LA Cri,
Ummer, Danny e Tucci.

 

tag festival 2016

 

Circomassimo Arcigay e Arcilesbica Ferrara ringraziano per la collaborazione
Flavio Romani (presidente nazionale Arcigay), le associazioni Agedo e Famiglie
Arcobaleno Ferrara, IBS-Libraccio, Arci Ferrara e Cinema Boldini, Istituto
Gramsci, Circolo Arci Bolognesi, Assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara
e Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Ferrara.

VENERDI 26 FEBBRAIO
Monica Crinnà
—> ore 16.00 / Sala Estense
# stepchild adoption

Incontro sul disegno di legge Cirinnà che divide, interroga cattolici e laici, parla del nostro Paese, dei suoi cambiamenti, delle trasformazioni della famiglia e dell’idea stessa di famiglia. Alcuni protagonisti della scena politica italiana ci aggiorneranno in tempo reale sugli sviluppi della discussione in Senato.

Né Giulietta Né Romeo - Veronica Pivetti
—> ore 18.00 / Sala Estense
# pregiudizi

Artista a tutto tondo, doppiatrice, attrice e ora anche regista, VERONICA PIVETTI (amatissima protagonista di PROVACI ANCORA PROF.) presenta il suo film d’esordio NÉ GIULIETTA, NÉ ROMEO: una commedia scritta con GIOVANNA GRA e distribuita da Microcinema, che va alla scoperta dei pregiudizi familiari, tanto imprevedibili quanto radicati. La cronaca di una famiglia evoluta, progressista, alternativa al punto giusto, che salta per aria di fronte alla scoperta di un figlio omosessuale, ci offre lo spunto per una lunga chiacchierata sui temi LGBT. Modera Manuela Macario.

 

MIKAMALE TEATRO
—> ore 21.30 / Sala Estense
 # l’importanza di lavarsi presto

 

Differenze di genere, omonegatività, cultura del pregiudizio… a volte è il caso di riderci sopra! Un monologo esilarante, irriverente e amaro scritto e interpretato da MIKAMALE TEATRO. Un vero spettacolo di cabaret in cui sarà formulata un’antitesi alle teorie ecclesiastiche e ai troppi luoghi comuni che la politica ci propina quotidianamente. MIKAELA CAPUCCI veste i panni di Suor Melodia, le cui orazioni “riparative” e le cui proposte “rieducative” per lesbiche, gay e transessuali vi faranno trascorrere un’ora e mezza di sfrenata allegria.
Biglietto d’ingresso: 10 euro. 

 

SABATO 27 FEBBRAIO

 

Dario Accolla
—> ore 11.00 / Sala Estense
# bullismo omofobico

 

L’omofobia per gli adolescenti significa isolamento, insulti, bullismo. Può portare a forme di depressione, abbandono scolastico e anche suicidio. Inutile illudersi e sperare che il problema non esista. Al centro del dibattito sarà la recente ricerca sul bullismo frutto di una convenzione firmata da Regione Friuli Venezia Giulia  Università di Trieste, Ufficio Scolastico Regionale e Arcigay/Arcilesbica, che ha coinvolto 2.138 studenti delle scuole superiori. A offrire orientamenti teorici per realizzare buone prassi di contrasto all’omofobia saranno KETTY SEGATTI (Vicedirettore centrale Area istruzione, alta formazione e ricerca, Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili,  ricerca e università Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia), il popolare blogger de “Il fatto quotidiano” DARIO ACCOLLA, il vice-sindaco di Ferrara MASSIMO MAISTO e LUCA MORASSUTTO, avvocato di Articolo29. Modera Marco Zavagli.

 

Michela Marzano
 —> ore 16.00 / Sala Estense
 # gender 

 

Tre voci contro la fantomatica “ideologia gender”. La filosofa MICHELA MARZANO, la teologa ed ex-monaca BENEDETTA SELENE ZORZI e la giornalista CATERINA COPPOLA ci spiegheranno come nasce, a chi si rivolge e qual è il suo fine. Perché gli studi di genere non intendono affermare che maschi e femmine non esistono o non sono differenti, ma che il sesso non è il genere. Modera Vincenzo Branà.

 

né giulietta, né romeo
 —> ore 18.00 / Cinema Boldini 
 # né giulietta, né romeo

 

Proiezione del film d’esordio di VERONICA PIVETTI.
Rocco è il figlio unico adolescente di una madre iperprotettiva e di un padre sciupafemmine. Olga e Manuele hanno divorziato, lei fa la giornalista e ha idee progressiste, lui è psicanalista e va in televisione a presentare i suoi best seller. L’unico suo problema di Rocco sembra essere la presenza del bullo della scuola, che lo tormenta fin da quando erano bambini. Ma il bullo al momento ha preso di mira un altro ragazzo perché è “frocio”. Nessuno ancora sa che anche Rocco è gay, e il suo uscire allo scoperto provocherà più di un terremoto.

 

ALESSANDRO FULLIN
 —> ore 21.30 / Sala Estense
 # fullin legge fullin

 

Il nuovo irresistibile spettacolo comico di ALESSANDRO FULLIN. Dalla lista della spesa agli spensierati aforismi, dalle lettere d’amore alle mail mai inviate, il ritratto di un uomo che molti percepiscono come un comico non vedendolo per quello che realmente è: una missionaria. Lo straordinario comico di ZELIG si legge per tentare di trovare un filo logico in una vita che ha fatto il possibile per essere un gomitolo che anche Arianna avrebbe difficoltà nel dipanare.
Biglietto d’ingresso: 10 euro.

 

8
—> ore 23.00 / Arci Bolognesi
 # party

 

Il sabato notte sarà all’insegna di MIRANDA, grazie al party LA CAGE AUX FOLLES: si aprono le gabbie per una serata folle e paiettata, animata dalle Drag Queen SALAMANDRA SISTERS! Alla consolle: LA Cri, Ummer, Danny e Tucci.
Ingresso con tessera Arci, Arcigay o Arcilesbica.

 

DOMENICA 28 FEBBRAIO

 

Federico Ferrari, LA FAMIGLIA IN ATTESA
—>ore 11.00 / Sala Estense
# famiglia in-attesa

 

Se il matrimonio tra persone dello stesso sesso è ormai discusso apertamente e legittimato in molti paesi, sulle possibilità per le coppie omosessuali di avere dei figli c’è ancora molta chiusura. Lo psicoterapeuta familiare FEDERICO FERRARI, la bioeticista MICAELA GHISLENI e CRISTINA GRAMOLINI, tra le fondatrici dell’associazione nazionale Arcilesbica, ci illustrano le dinamiche fondamentali del fare famiglia e del divenire genitori, al di là degli stereotipi di genere e delle forme del familiare ad essi improntate. Modera Stefania Guglielmi.

 

Eduardo Savarese
—>ore 16.00 / Sala Estense
# religione

 

Nel bel mezzo del dibattito politico e mediatico sul tema delle nozze tra gay, e dopo le sentenze della Corte Suprema americana e della Corte Europea dei diritti umani, lo scrittore e magistrato EDUARDO SAVARESE condividerà le riflessioni di un uomo di legge che riconosce l’importanza dei diritti. Ma che da cattolico non riesce a essere soddisfatto della dimensione semplicemente laica dell’agognato riconoscimento del diritto al matrimonio da parte di persone dello stesso sesso. Modera Camilla Ghedini.

Monsignor_Charamsa

—>ore 17.00 / Sala Estense
# religione

 

Incontro con monsignor KRZYSZTOF CHARAMSA, che lo scorso ottobre ha scosso il Vaticano con una rivelazione choc: «Sono gay e ho un compagno». E per questo è stato sospeso dal sacerdozio.
Charamsa non era un sacerdote qualunque. Teologo e officiale della Congregazione per la Dottrina della fede dal 2003, era segretario aggiunto della Commissione teologica internazionale vaticana e insegnava teologia alla Pontificia Università Gregoriana e al Pontificio Ateneo Regina Apostolorum a Roma.
Prima di lui mai nessun religioso con incarichi così importanti in Vaticano aveva fatto coming out.
A TAG FESTIVAL avremo l’occasione di riaverlo in Italia per ascoltare il suo pensiero sulla vicenda che lo ha coinvolto e su quanto sta succedendo in Senato rispetto il DDL Cirinnà.

 

 

Fabio Canino
—> ore 18.30 / Sala Estense
# rainbow

 

Cosa succederebbe se un giorno la Grecia, ridotta in ginocchio dal default economico, venisse progressivamente acquistata e occupata dalla comunità omosessuale globale? La risposta ce la dà FABIO CANINO intervistato per l’occasione dalla giornalista Stefania Andreotti. Direttamente da BALLANDO CON LE STELLE il popolarissimo attore, scrittore, conduttore radiofonico e personaggio televisivo tra i più ironici, ci racconta la genesi del suo nuovo romanzo distopico gay.

Circomassimo Arcigay e Arcilesbica Ferrara ringraziano per la collaborazione Flavio Romani (presidente nazionale Arcigay), le associazioni Agedo e Famiglie Arcobaleno Ferrara, IBS-Libraccio, Arci Ferrara, Istituto Gramsci, Circolo Arci Bolognesi, Assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara e Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Ferrara.